Andrea “Fergy” Fergnani nuovo CT azzurro maschile

10535758_10204890916538968_694102449846216728_oÈ ufficiale: Andrea “Fergy” Fergnani è il nuovo CT della nazionale maschile italiana.
Lui, insieme a Francesco Desii come vice allenatore, sostituirà la coppia Basilico-Clacaterra che si è dimessa poche settimane fa e che nell’ultimo evento internazionale tenutosi questa estate, gli europei in Germania, sono riuscite a conquistare una seconda piazza battendo in semifinale la Svizzera, campione uscente.
Pubblichiamo sottostante, come ha già fatto la FTBI pochi minuti fa ai club, integralmente il progetto azzurro del nuovo commissario tecnico.

Chiedo alla federazione di poter portare avanti una nazionale che sia impostata in base a questa idea: La nazionale è un mezzo, non un fine.
La nazionale è lo specchio delle scelte anche politiche di una federazione.
Per questo non vorrei dare per scontato che il compito di QUESTA nazionale sia quello di selezionare i migliori, per portarli all’evento e raggiungere il miglior risultato.
Questa scelta (assolutamente legittima ) in questo momento storico presenta una grande criticità: non garantisce ricambio.
Attualmente i “nuovi” giocatori che si affacciano alla nazionale, crescendo arrivano ad essere
paragonabili per bravura ai giocatori “vecchi”. Nel metterli a confronto per scegliere chi mettere in rosa, a parità di forza, i “vecchi” hanno dalla loro un fattore esperienza che li rende sempre preferibili. Se gli azzurri devono raggiungere il massimo, un giocatore che è già inserito nel giro, che conosce gli avversari internazionali, che conosce il peso della divisa azzurra, che sa gestire gli ultimi secondi di una partita con un’alta posta in palio, sarà sempre preferibile a parità di bravura a uno che deve ancora entrare in queste dinamiche, sopratutto coi i pochi allenamenti che si hanno a disposizione.
Per completare il discorso c’è il fattore età: in uno sport che non richiede uno sforzo fisico paragonabile agli sport professionistici (almeno, non ancora !) un giocatore atletico e che si mantiene in forma sarà in grado di mantenere il suo livello di gioco per molti anni, compensando i primi peggioramenti con l’esperienza.
Di conseguenza una nazionale che punta al risultato migliore con i giocatori più forti e preparati, attualmente, è una nazionale che non si rinnova. (dopo il ritiro di Diego, tutti i nuovi giocatori sono stati inseriti al posto di ex giocatori che sono usciti dalla nazionale per motivi personali: Fergna Acio e Mike avevano smesso di giocare, Gio era all’estero, Fil ha rinunciato all’evento, io ero in serie B )
Quello che vorrei proporre è invece una nazionale coerente con le linee federali, che non sia in controtendenza ma che si renda forte di scelte coraggiose di rinnovamento e ringiovanimento, per cominciare a far entrare il futuro nel presente (e non è retorica, parlo di impostare il lavoro perché non si crei una cerchia di intoccabili, in modo che il rinnovamento possa essere ragionato costante, e senza mai alterare troppo gli equilibri interni, le stesse ragioni per cui scelsi di sciogliere gli Allnuts nel momento del loro apice), per evitare di ritrovarci un buco generazionale quando i “senatori” della nazionale saranno fisicamente fuori, o senza dover sperare che la loro uscita dipenda da scelte contingenti ed esterne.
Io credo in questa idea, quella in cui le nuove generazioni di tchoukers si creano impostando il lavoro di oggi, e mettendoci nelle condizioni di dargli lo spazio che meritano, anche solo in termini di “essere consapevoli di potersi guadagnare il posto in nazionale”, e che gli impegni e i risultati di crescita vengono riconosciuti e premiati.
Non voglio rottamare, assolutamente, vorrei legittimare, nei criteri di convocazione (e nell’impostazione generale della nazionale ), la scelta del “non attualmente migliore”, perché, la scelta dei “migliori” ricadrebbe sempre sugli stessi. E mi piace pensare che questo sia conseguenza di un indirizzo federale.
Dobbiamo avere il coraggio di fare queste scelte oggi, perché è coerente con una federazione che vede le nazionali come un mezzo, prima che come un fine.
E se il fine è quello di consolidare il movimento, la nazionale deve essere un collante di motivazione per chi riesce a crescere bene dentro questa realtà, deve quindi garantire, in maniera ragionata un ricambio.
179573_3781388146794_1387007949_nHo individuato un vice allenatore:Francesco Desii di Empoli.
Francesco è giovane (nato nel 1992), attualmente sta allenando le squadre dei Wallers, ha esperienze precedenti come allenatore di calcio. Scommetto su di lui perché penso abbia un grande spirito di osservazione. Curioso e creativo, spesso ci siamo fermati a discutere di tecnica e di tattica. Penso che pur non avendo un’esperienza paragonabile a quella dei giocatori, non dovrà insegnare a questi come tirare e come difendere (se sono convocati già lo sanno fare ), mentre penso che possa entrare nelle dinamiche “tattiche-di mentalità” su cui vorrei impostare il mio lavoro agli allenamenti. (discorso di natura tecnica che qui non affronterò).
Sono anche convinto che il suo essere Empolese sia importante. Empoli è la società più in espansione tra le nuove realtà periferiche. Penso che il coinvolgimento di Desii come allenatore possa dare grandissimi benefici al movimento Empolese.
Ho contattato anche alcune figure nelle varie zone d’Italia per creare un gruppo di confronto -sostegno di cui il primo ad avermi confermato la disponibilità ed essermi stato di grande aiuto in questa prima fase di preparazione del progetto è Enrico Lolli.
Per quanto riguarda gli allenamenti, ipotizzo una serie di primi allenamenti a 21 persone ( 7×3),nelle convocazioni di questi primi allenamenti vorrei coniugare merito e rappresentatività, in modo che gli allenamenti iniziali siano a beneficio anche di società che verosimilmente non hanno giocatori meritevoli di entrare in nazionale.
A rosa definitiva penso di chiamare sempre uno sparring team esterno, fatto di giocatori reperibili a livello locale a seconda di dove si svolgeranno gli allenamenti.

Andrea Fergnani

Advertisements

Informazioni su puntoregalato

Tchoukball italiano
Questa voce è stata pubblicata in NAZIONALE, News FTBI, nostri articoli, VERBALI FTBI. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...