Cercasi CT per la nazionale maschile italiana

10440814_644672712274886_3839309898198261527_nA pochi giorni dal primo consiglio federale della nuovo FTIB targato Patrizio Fergnani ecco la prima falla da dover rattoppare in tempo record: le dimissioni delle ct della nazionale maschile Basilico-Calcaterra.
Una notizia tutto sommato inaspettata ma non di certo inaspettabile in quanto la coppia da quest’anno non seguirà più il campionato in maniera attiva, dopo l’addio del TB giocato della Basilico (nella foto) avvenuto qualche anno fa anche la Calcaterra appende al pannello le ginocchiere; e anche un po’ perché l’ambiente chiede ormai da tempo qualcosa di diverso alla rappresentativa maschile e la rivoluzione che c’è stata pochi giorni fa al vertice può accontentare la massa, visto che molti eletti sono parte la massa.
Ecco quindi la svolta: dimissioni.
Un cambiamento coatto che arriva in un momento delicato, e che proprio non ci voleva, in quanto i prossimi mondiali si giocheranno nell’estate del 2015 a Taiwan e le difficoltà organizzative-economiche di sicuro non avevano bisogno di questo aggravio.
Però non tutto il male viene per nuocere e la situazione può essere sbrogliata se si trova al più presto un nuovo commissario tecnico che soddisfi le richieste del nuovo consiglio federale.
Ma quali sono queste richieste?
Attualmente nessuno le sa ma voci di corridoio sussurrano un drastico cambiamento rispetto al passato che non guarda più solo al risultato finale ottenuto ma al coinvolgimento di tutti migliori tchouker italiani al progetto nazionale.
A questo potrebbe aggiungersi anche un giro di vite sui fondi destinati alle maglie azzurre che hanno visto la FTBI sborsare negli ultimi due anni un cifra che si aggira sui 10.000 euro coi due precedenti anni fermi a 0 euro di spesa pari a 0 ore di gioco ai quali vanno aggiunti i soldi che la FTBI ha dovuto sborsare per coprire i buchi inaspettati avuti coi mondiali di Ferrara 2011.
In attesa di scoprire se le voci di corridoio quanto sono veritiere di sicuro il Consiglio Federale dovrà trovare la giusta formula per scegliere il prossimo allenatore.
La prima da valutare è il contatto col diretto interessato.
Favorito è Andrea “Fergy” Fergnani che piace un po’ a tutti ma che potrebbe avere non pochi problemi dettati dal suo lavoro che lo vede responsabile di una comunità di rifugiati politici.
Pochi altri sembrano potersi affiancare.
Il secondo nome è quello di Giacomo “Giko” Zinetti che lasciata la guida della nazionale femminile ed ancora presente nel Consiglio federale potrebbe eventualmente potrebbe dirigere a tempo determinato, meglio dire a co.co.pro visti i tempi di precarietà, la squadra maschile. Di sicuro una sua autoconvocazione non sarebbe uno scandalo, visto che tutti riconoscono la bravura del tchouker saronnese, ma potrebbero sorgere problemi legati alle sue precedenti dimissioni. Fra le motivazioni date c’è quella di voler giocare almeno un evento azzurro solo da giocatore. Un fattore, desiderio che il nuovo consiglio federale dovrà tenere in considerazione visto che potrebbe influenzare future scelte.
La seconda pista potrebbe essere quella utilizzata qualche tempo fa dalla stessa FTBI: apertura alla massa delle candidature e vedere dal mucchio che cosa esce fuori.
Questa strada si rivelerebbe utile anche in chiave juniores vista l’inattività di molte delle nazionali dai mondiali 2011con la scomparsa dal movimenti di allenatori quali Giorgio Zinetti e Damiano Debiagi.
Mentre un Giorgio Zinetti potrebbe ancora rientrare fra i selezionatori azzurri una volta capito l’interesse che ha per questo ruolo, coperto anche ai mondiali del 2013, e la sua disponibilità; una figura come quella di Debiagi diventa difficile reinserirla in quanto uscita fuori da tutti gli schemi federale anche se presente nei campus federali fino a due stagioni fa.
Mentre si fa tutto questo il tassametro dei biglietti d’aereo gira in su e le occasioni di selezione di una nazionale diversa da quella vista in Germania diminuiscono a discapito delle “nuove generazioni.”
Infine non è da escludere la prospettiva del cesto di uova che cade e si rompe tutto.
La frittata potrebbe essere immangiabile e la nazionale maschile così non salirebbe sul volo per Taiwan lasciando così più comode le ragazze.
Una situazione estrema e paradossale ma visto l’attuale momento non è da escludere se i tempi di reazione di questo nuovo consiglio saranno pari a quelli avuti dai consigli precedenti, o se si giudica la situazione non prioritaria.

Informazioni su puntoregalato

Tchoukball italiano
Questa voce è stata pubblicata in IL FANTATCHOUKBALL DI JJJ, NAZIONALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...