Seran il buono, Redox il brutto, Sgavisc il cattivo

Le squadre di Rovello Porro

Le squadre di Rovello Porro

Bella giornata di tchoukball quella giocata a Rovello Porro questa domenica che ha visto impegnate le squadre locali con quella astigiana.
La prima partita che si è disputatala PalaRovello è stata il derby lariano fra Seran e Sgavisc.
Parte alla grande lo Sgavisc, che fra le sue file registrava l’assenza del vice campione del mondo maschile Stefano Cattaneo, e dopo i primi 15 minuti registrava un vantaggio di +15 punti.
Col questo lauto “bottino” i fratelli maggiori della Polisportiva Rovello ’96 decidono di rallentare il gioco in vista della partita successiva e gestire così l’incontro.
Chiudono la partita naturalmente con un’altra vittoria e altri 2 punti che allungano il divario con le seconde.
Nel match successivo l’Asti Redox se la deve vedere con Rovello Seran.
I tchouker astigiani partono a razzo, 9-2 dopo i primi 5 minuti, ma a poco più della metà del primo tempo il Seran recupera lo svantaggio e si trova più volte a condurre la frazione di gioco tanto che il punto del pareggio lo deve fare l’Asti.
Il secondo tempo il Redox è in bambola mentre i comaschi giocano benissimo, per di più privi di cambi, ma purtroppo per loro non riescono ad accumulare un vantaggio utile permettendo così ai piemontesi di restare sempre in partita e di concludere la seconda frazione con un altro pareggio.
Il terzo tempo vede ancora bene il Seran ma la fatica dei precedenti 45 minuti si fa sentire e gli ultimi 5 minuti diventano la loro Caporetto.
L’Asti conclude con una vittoria il primo incontro della giornata ma con più ombre (35 minuti) che luci (10 minuti).
L’ultima partita della giornata è il classico Asti Redox -Rovello Sgavisc, una partita piena di campioni in campo e sportive rivalità.

Asti Redox

Asti Redox

Le squadre si schierano in maniera speculare (4-3) mettendo sul pannello a 3 il proprio pannello a 4.
Parte male la compagine piemontese all’incontrario di quella lombarda che conclude con un +13 il primo tempo.
Unico segnale positivo astigiano è la buona prestazione di Emanuele Coppola l’unico che sembra esserci in attacco.
Nella ripresa il Redox risolve i propri problemi offensivi spostamento il pannello a 4 sul pannello a 4 dei comaschi.
Subito il neo acquisto biancorosso Umberto Nobile trova il ritmo e lo spiraglio giusto diventando incontenibile e con l’apporto di una squadra più ringalluzzita l’Asti accorcia il divario portandosi a -8.
L’inizio dell’ultimo tempo vede il Rovello intimorito ma col passare del tempo i ragazzi di miss Calaterra riescono a prendere le contromisure e a ritrovare i punti persi nella frazione precedente.
1451440_534682943279647_71491319_nIl Rovello Sgavisc si trova così sempre più solitario in classifica divenendo lei la squadra da battere per potersi fregiare del titolo tricolore.
Sfortunato il Rovello Seran che gioca bene ma che non riesce ancora a sfruttare al meglio la buona mole del gioco prodotto.
Per l’Asti Redox un’altra giornata da studiare per trovare al più presto l’amalgama. Il quarto posto è alla portata ma se vogliono essere sicuri di meritarlo e di poter provare a giocarsi qualcosa in più devo trovare quanto prima la continuità che hanno già dimostrato le altre squadre che la precedono in classifica.

Annunci

Informazioni su puntoregalato

Tchoukball italiano
Questa voce è stata pubblicata in Commento ai risultati di serie A, nostri articoli. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Seran il buono, Redox il brutto, Sgavisc il cattivo

  1. Fuso Orario ha detto:

    Arrivare primi nella prima fase non serve a niente. I Castor ai play off saranno tutti presenti e non avranno nulla da spartire con la squadra che si vede adesso (specie nelle trasferte…vedi a Lendinara). Sono ancora loro la squadra favorita per lo scudetto.

  2. puntoregalato ha detto:

    BOTTA: Io critico molto il Castor ma sono convinto siano loro i favoriti allo scudetto e non il Rovello Sgavisc.
    Chi ha giocato coi comaschi e coi lombardi ha detto l’incontrario.
    Di sicuro il saronno ha giocato malissimo col ferrara e di certo non può fare un campionato così dove con un minimo d’impegno arriva lì e magari vince.
    So che sono in studio alcune idee per cambiare la formula dei play off scudetto per renderla più in linea con il campionato.
    Spero che si trovi una quadra.
    Io credo che ora come ora i play off non abbiano senso perché troppo ballerini, e poi dopo un campionato di andata e ritorno li trovo futili.
    Certo comprendo le motivazioni promozionali per cui si giocano e per questo li tollero.
    Di sicuro giocare sul filo del rasoio come fa il castor è pericoloso in quanto un infortunio o un imprevisto nel giorno giusto può far perdere lo scudetto.
    Se si tira sempre la corda questa rischia di spezzarsi più facilmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...